Quando ammazzarono i precari

10,00

Un giorno come tanti, tra la fine e l’inizio del millennio, Uno riscrisse l’organizzazione del lavoro del paese. Fu così che il protagonista di Quando ammazzarono i precari vide crescere l’ansia nella sua vita, al lavoro e fuori di esso, sulle strade delle città del sud e del nord. Incontrò Tre, Quattro e Sei, poi anche Sette e Otto, con cui fecero una banda. Li chiamavano i Marmocchi.

Un romanzo a cavallo tra i generi, dall’ideatore di Laspro – rivista di Letteratura, Arti & Mestieri.

Il passaggio dall’alienazione a tempo indeterminato, dall’ergastolo della fabbrica o del posto fisso, alla condizione precaria porta con sé ansia, insicurezza, rabbia e frustrazione. Condizioni emotive che il nostro personaggio senza nome conosce pian piano in un percorso che lo conduce ad acquistare coscienza e consapevolezza e ad avvicinarsi gradualmente a un impegno politico nel tentativo di risolvere collettivamente i suoi problemi.
dalla postfazione di Renato Berretta

Cristian Giodice (1975) nato e cresciuto a Milano, in via Lomellina, vive e lavora a Roma. Nel 2009 fonda Laspro, che dirige fino al 2012. Ha pubblicato racconti su antologie e riviste ed è autore di sceneggiature per cortometraggi e testi teatrali.

Ottima capacità di muoversi all’incrocio tra vari generi (…), immagini di pura poesia
recensione su Mangialibri.com

COD: 9788890493676 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

di Cristian Giodice
(2014)
186 pp., 10 euro
brossura
ISBN 9788890493676

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.